WP Menubar error: Folder /membri2/gastibelza/blog/wp-content/plugins/menubar/templates/inove not found!
Crea sito
Chi non ha memoria non ha futuro

Jan Vermeer

VermeerLa figura di Johannes Vermeer, detto Jan, occupa un posto particolare nella pittura olandese del ‘600. Della sua vita sappiamo poco e anche le sue opere ebbero per secoli attribuzioni diverse che solo il lavoro scrupoloso degli esperti ha potuto correggere. Per questo motivo – unito al fatto che il pittore lavorava assai lentamente – diversi dipinti di Vermeer hanno datazioni incerte.

Vermeer nacque nel 1632 a Delft, in Olanda. Suo padre, Reynier Vermeer, lavorava la seta e commerciava in dipinti, come in seguito fece anche Jan. Non si sa chi furono i suoi maestri, forse Leonaert Bramer che fu testimone nel 1653 alle nozze tra Vermeer e Catherina Bolnes, figlia di ricchi mercanti.

Dopo alcuni quadri di ispirazione religiosa, intorno al 1656 inizia la produzione tipica di Vermeer, ritratti di persone in interni, probabilmente alcune stanze del palazzo in cui Vermeer viveva con la moglie e la suocera Maria Thins.

In quegli anni Vermeer risulta tra i consiglieri di una importante gilda di artisti, quella di San Luca. L’attività di Jan Vermeer fu in gran parte finalizzata alla vendita dei propri dipinti per far fronte alle spese derivanti dalla nascita di 11 figli. Quando Vermeer morì nel 1675, a soli 43 anni, la moglie utilizzò i dipinti rimasti per pagare i conti arretrati dei bottegai. Attualmente si conoscono 35 dipinti attribuiti con certezza a Vermeer.

 

Comments are closed.